Figlio mio, quanto mi costi!

Livia Caivano
Livia Caivano
6.4.2020
Tempo di ascolto: 15'
Quello nell'istruzione è un investimento che non delude sul lungo termine. Ma a volte i costi delle scuole più elitarie, come il collegio Welton in cui è ambientato "L'attimo fuggente", possono essere difficili da sostenere. Allora è bene pensare per tempo al futuro della propria prole: Antonello Sanna e Francesco Barbato di Scm Sim ci hanno spiegato come
Quante volte ci siamo sentiti dire o abbiamo pronunciato queste parole? Quando nasce un figlio, il mondo prende a girare intorno a lui e con esso, il nostro portafoglio. Per alcuni diventa un fardello pesante da portare. Secondo un sondaggio Swg di qualche mese fa, se potesse tornare indietro, una coppia su 6 in Italia non farebbe figli. Il motivo? L'insicurezza economica, la precarietà del mondo del lavoro e i sacrifici personali a cui va incontro un genitore nel nostro paese. 

In questi tempi di sospensione della normalità questi dati suonano tremendamente politically incorrect, ma un punto rimane: da quando nascono, i figli creano un'urgenza, quella di capire cosa si desidera per il loro futuro e quanto tempo sarà necessario per realizzarlo. E in questo, ancora una volta la consulenza finanziaria viene in nostro soccorso. 

Il film che Antonello Sanna ha scelto per affrontare questo tema, è "L'attimo fuggente".

 

 

ASCOLTA LE PUNTATE PRECEDENTI:


1: La rendita per proteggersi più a lungo

2: Risparmio gestito non è solo rendimento

3: Wall Street di Oliver Stone e il rapporto rischio-rendimento

4: Come uscire sani e salvi dal passaggio generazionale

Cosa vorresti fare?

X
I Cookies aiutano a migliorare l'esperienza sul sito.
Utilizzando il nostro sito, accetti le condizioni.
Consenti